Economia - Psicoeconomia

Economia – Psicoeconomia
LAUREA TRIENNALE

IL CORSO

Il percorso di studi in Psicoeconomia è strutturato tenendo conto della nuova realtà socio-economica, che sta progressivamente imponendo l’urgenza di ripensare la disciplina economica, introducendo nei modelli economici nuove variabili riconducibili all’imprevisto, alla paura, all’eccitazione immotivata. Il percorso di studi è finalizzato a fornire al laureato in Psicoeconomia le conoscenze e competenze necessarie ad analizzare le dinamiche sociali e psicologiche all’interno delle quali inscrivere le attività economiche, nella consapevolezza che tali capacità saranno sempre più richieste ai professionisti e ai manager per la necessità di interpretare correttamente i contesti reali di decisione dei vari operatori economici.

OBIETTIVI

I laureati in Psicoeconomia:

  1. possiedono solide conoscenze e competenze nelle discipline economiche;
  2. sono in grado di analizzare e affrontare le problematiche proprie dei sistemi economici e delle aziende che ne costituiscono il tessuto, tenendo conto delle componenti psicologiche, sociologiche e culturali (aspettative, emozioni, motivazioni, desideri) e della complessità dei comportamenti nei processi di scelta;
  3. sanno come realizzare simulazioni di semplici contesti economici di scelta tra ipotesi di comportamento alternative;
  4. possiedono conoscenze psico-sociologiche adeguate per analizzare le motivazioni dei comportamenti degli attori economici nei diversi contesti istituzionali, aziendali e di mercato;
  5. hanno un’adeguata conoscenza della cultura organizzativa dei contesti lavorativi.

DIDATTICA

 Il corso di laurea in Psicoeconomia è un indirizzo ad alta percentuale di innovazione, dove il rapporto tra teoria, applicazione, ricerca, simulazione e validazione di modelli rappresenta un unicum didattico. Tutte le attività didattiche sono incentrate sul rapporto tra scienza economica e psicologica. Il percorso formativo prevede, tra l’altro:

  • attività di didattica erogativa (video-lezioni, lezioni in web conference, ecc.);
  • attività di didattica interattiva (quiz, faqs, wiki, ecc.);
  • esercitazioni, prove pratiche e studio di casi;
  • partecipazione a seminari tenuti da docenti qualificati e da esperti in materie economiche e psicologiche; > acquisizione di abilità linguistiche, con approfondimento della lingua inglese;
  • predisposizione e redazione di un elaborato finale.

Periodi di tirocinio presso enti o istituti di ricerca, aziende e amministrazioni pubbliche, oltre alla possibilità di soggiorni di studio presso altre università italiane ed estere, completano il percorso formativo.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI E PROFESSIONALI

I principali settori nei quali i laureati in Psicoeconomia possono inserirsi sono:

  • banche, borsa e marketing, ossia contesti economici dinamici e complessi, connotati da incertezza e rischio, nei quali è richiesta una profonda capacità di analisi, di interpretazione e di decisione in condizioni di razionalità limitata;
  • settore bancario e della finanza (banche, assicurazioni, operatori del mercato finanziario, istituzioni finanziarie internazionali);
  •  settori economici e dei servizi (del pubblico, del privato e dell’economia sociale);
  • centri studi di banche e società finanziarie e centri di ricerca di organizzazioni nazionali e internazionali;
  • giornalismo specializzato in campo economico- finanziario;
  • Insegnamento, secondo le norme che regolano l’accesso alla docenza.